Connect with us

Medici Chirurghi

Bruno, cicatrici e tempi di ripresa nell’addominoplastica

Published

on

«Il concetto moderno di addominoplastica è di un rimodellamento corporeo a 360 gradi»

Agostino Bruno, specialista in chirurgia plastica e in rimodellamento corporeo

L’addominoplastica è un intervento chirurgico specifico per l’addome. Esistono varie tecniche, dalla tradizionale alla mini-addominoplastica, ciascuna utile a seconda degli obiettivi che si vogliono raggiungere. Agostino Bruno, specialista in chirurgia plastica, si occupa da anni di rimodellamento corporeo, e spiega cos’è l’addominoplastica, quali sono i tempi di ripresa e le eventuali cicatrici che si creano in seguito all’intervento.

Addominoplastica e tempi di ripresa

Agostino bruno cicatrici tempi ripresa addominoplastica
Agostino Bruno, specialista in chirurgia plastica e in rimodellamento corporeo

«L’addominoplastica è uno degli interventi maggiormente eseguiti in chirurgia plastica. Si  stima che sia addirittura il quinto più frequentemente eseguito» comincia Agostino Bruno. L’addome è una delle parti più estetiche del corpo umano, ma anche una delle più utili, considerando che i muscoli addominali contribuiscono alla stabilizzazione della postura. Per questo le persone, sia per motivazioni funzionali che estetiche, tendono ad apprezzare e a richiedere l’addominoplastica per la propria soddisfazione personale. «L’aspetto estetico e l’aspetto funzionale vanno di pari passo».

Nonostante sia un intervento maggiore, i tempi di ripresa dell’addominoplastica non sono lunghi, ma soprattutto non costringono all’immobilità. «È necessario un periodo di convalescenza, ma il paziente non deve mai rimanere a letto. Incoraggiamo sempre la mobilità precoce» afferma Bruno. Per quanto riguarda il dolore, invece, il chirurgo afferma che è normale avere un po’ di fastidio nel post-operatorio. «Per questo viene naturalmente anche fornita una terapia antalgica per garantire un decorso tranquillo».

Il tempo di ripresa dell’addominoplastica può però essere aggravato in caso di mancata assistenza al paziente da parte dei familiari, soprattutto nei primi giorni e se il riposo iniziale non può essere rispettato al 100%. «Spesso le pazienti sono giovani che hanno avuto gravidanze e hanno sviluppato una diastasi dei retti. In questi casi è fondamentale anche un supporto a casa che possa aiutare nella gestione della vita di tutti i giorni» spiega il chirurgo.

Addominoplastica e mini-addominoplastica, diversi tipi di cicatrice

«La differenza tra un’addominoplastica e la mini-addominoplastica è dettata essenzialmente dall’entità di cute che noi dobbiamo rimuovere» spiega Bruno. «Nella mini-addominoplastica vi è un modesto eccesso di cute e di sottocute che può essere eliminata tramite un’incisione di piccola entità. Peraltro questo approccio evita la cicatrice periombelicale» dice Bruno.

«Nel caso però in cui l’eccesso cutaneo sia maggiore o qualora la paziente fisiologicamente abbia un ombelico già piuttosto posizionato in basso, è necessario un approccio completo di addominoplastica. Questa prevede un’incisione più lunga, benché sempre nascosta dalla biancheria o dal costume da bagno, e prevede la presenza di una cicatrice cosiddetta peri ombelicale» continua.

In ogni caso per fare la scelta giusta non è mai da considerare la gravità della problematica funzionale, ma sempre l’eccesso cutaneo. «L’intervento che può essere eseguito internamente a carico dei muscoli è ovviamente accessibile sia nel caso di mini-addominoplastica, sia nel caso di addominoplastica completa» afferma. La cicatrice della mini-addominoplastica è certamente più piccola e preferibile, ma bisogna sempre ragionare sull’eccesso di cute del paziente.

Addominoplastica e altri interventi

L’addominoplastica è un intervento che si presta a essere effettuato insieme ad altri interventi chirurgici minori, come ad esempio il rimodellamento mammario. «All’addominoplastica è possibile abbinare una mastoplastica, sia essa una mastoplastica additiva, una mastopessi, una mastopessi con protesi a seconda del caso specifico. Colloquialmente questa combinazione prende il nome di mommy makeover e include anche la liposuzione a trecentosessanta gradi del distretto dell’addome e del dorso» spiega Bruno.

Questo insieme di interventi viene fatto perché il corpo umano va considerato come un’unica unità estetica. «Il concetto moderno di addominoplastica è proprio quello di un rimodellamento corporeo a trecentosessanta gradi» conclude Bruno. Nonostante questo è sconsigliato associare l’intervento di addominoplastica a interventi maggiori come il lifting della coscia, per evitare di allungare troppo i tempi di ripresa e aggravare le cicatrici.

Addominoplastica e mini-addominoplastica sono quindi interventi molto importanti sia per restituire armonia ed estetica sia per ristorare la completa funzionalità del corpo. E anche se è un intervento maggiore, i tempi di ripresa e le cicatrici dell’addominoplastica sono gestibili soprattutto se curati correttamente con fasce post-operatorie e fisioterapia.


Scopri di più da Revée News

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Advertisement

Fai una domanda agli specialisti

Inserisci l'area di intervento su cui vuoi fare una domanda
Se il tuo problema non è urgente approfitta del servizio gratuito di domande agli esperti. Se hai un'emergenza contatta il tuo dottore.
Medici Chirurghi3 mesi ago

Innovazione e ricerca nella lotta contro il carcinoma mammario

Associazioni3 mesi ago

Diastasi Italia: rete di professionisti specializzati

Eventi e congressi3 mesi ago

L’approccio olistico alla Diastasi Addominale

Associazioni2 mesi ago

“I Girasoli” accanto ai pazienti oncologici

Associazioni3 mesi ago

Bici in Rosa: pedalare verso la prevenzione

mammella
Eventi e congressi3 mesi ago

Chirurgia estetica della mammella: primo corso formativo AICPE 2024

cicatrici
Pillole di Revée2 mesi ago

Cicatrici: come possono essere trattate?

filler
Medici Chirurghi2 mesi ago

Filler: tendenze e pratiche innovative

V.I.T.A
Associazioni2 mesi ago

V.I.T.A: un quarto di secolo nella lotta contro il cancro al seno

aicpe 2024
Eventi e congressi2 mesi ago

11° Congresso Nazionale dell’AICPE

Medici Chirurghi1 mese ago

Malformazioni oltre le apparenze: la Sindrome di Poland

Personale sanitario1 mese ago

“Nutriamo la salute” celebrando il ruolo dell’infermiere

Medici Chirurghi4 settimane ago

Il linfonodo sentinella per una diagnosi precoce

Medici Chirurghi3 settimane ago

Cosa vuol dire chirurgia conservativa?

Eventi e congressi2 mesi ago

Cosmofarma Exhibition: Revée partecipa alla 27° edizione

grasso
Eventi e congressi1 mese ago

Tutto il grasso minuto per minuto

Eventi e congressi1 mese ago

La chirurgia della mammella: hot topics e linee comportamentali

attualità in ricostruzione mammaria autologa, protesica ed ibrida
Eventi e congressi3 settimane ago

Attualità in ricostruzione mammaria autologa, protesica e ibrida

Medici Chirurghi2 settimane ago

Rigenerare i tessuti con le cellule staminali

Copyright © 2022 Revée News. Periodico di informazione sul mondo Chirurgia e del Benessere | Registrazione Tribunale di Torino n. 21 il 17/10/2023 |
Direttore responsabile Debora Pasero | Edito da REVEE SRL - corso Quintino Sella, 131 - Torino C.F. 10818580010

Scopri di più da Revée News

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading