Connect with us

Medici Chirurghi

Malformazioni oltre le apparenze: la Sindrome di Poland

Published

on

In un mondo in cui l’immagine corporea ha sempre più importanza, tutto ciò che comporta malformazioni o anomalie fisiche, come la Sindrome di Poland, provoca un’alterazione anche psicologica nei pazienti. 

«La Sindrome di Poland è un’aplasia del muscolo grande pettorale associabile anche ad altri muscoli. Dal piccolo pettorale e aplasie costali ad asimmetrie della gabbia toracica, ipoplasie mammarie, ma anche alterazioni dell’arto ipsilaterale. Di solito è unilaterale, ma può anche essere bilaterale», afferma la dottoressa Maria Victoria Romanini, pediatra e chirurgo plastico, ricostruttivo ed estetico presso l’Istituto Giannina Gaslini di Genova. 

È una patologia riscontrabile già dalla nascita, anche se diventa palese durante lo sviluppo. Il target di riferimento è, infatti, costituito perlopiù da adolescenti. «Contraendo i muscoli pettorali, si può osservare da subito un’asimmetria dei due lati – spiega Romanini -. Nei piccoli lattanti si vede meno, ma durante la crescita è più evidente vista l’assenza o la dimensione ridotta di una mammella rispetto all’altra che invece comincia a crescere». 

Intervenire prima dei diciott’anni, quando tendenzialmente si stabilizza l’immagine corporea, e quindi cominciare un percorso ricostruttivo entro quell’età, significa risolvere parte del problema permettendo ai pazienti di continuare la loro vita normalmente. 

Per ogni alterazione, un programma personalizzato

Dottoressa Maria Victoria Romanini, pediatra e chirurgo plastico, ricostruttivo ed estetico presso L’istituto Giannina Gaslini di Genova

Non tutti i casi sono uguali, serve un programma personalizzato in base alle alterazioni che il paziente presenta. «Innanzitutto si richiede un’ecografia renale, addominale, un ecocardio ed elettrocardiogramma per escludere altre anomalie – continua la dottoressa -. Le patologie associabili sono molteplici tra cui Pectus Excavatum quando il petto va molto in dentro, Pectus Carinatum quando invece va molto in fuori. Rientrano qui anche aplasie della mammella, del capezzolo, ipoplasia della mammella e aplasia di altri muscoli della parte toracica, addominale o della parete posteriore oltre che alterazioni dell’arto ipsilaterale come la sindattilia». 

Si può agire chirurgicamente attraverso diverse tipologie di intervento, anche mediante il lipofilling dal forte potere rigenerativo, grazie al quale può non essere necessario l’utilizzo di una protesi. «È possibile optare per ricostruzioni con il lipofilling utilizzando il proprio grasso, aiutando anche i tessuti molli. Si può utilizzare un espansore in caso di eccessiva asimmetria del capezzolo rispetto all’altra parte del torace», dichiara Romanini. 

In questo campo, la chirurgia si è evoluta verso procedure meno invasive, cercando di fare il più possibile in un unico intervento. «Adesso, nell’età pediatrica e a seconda dell’elasticità della gabbia toracica – racconta la dottoressa – si possono fare anche terapie mediche che prima non esistevano. È possibile intervenire con un Vacuum Bell, ossia un apparecchio che i pazienti mettono a casa, migliorando un po’ la parete toracica oppure con un bustino nel caso di sterno in fuori».

Convivere con la Sindrome di Poland

La dottoressa ricorda, inoltre, la non obbligatorietà dell’intervento. È infatti possibile convivere con questa malformazione senza necessariamente ripararla o correggerla. Sono i pazienti che devono decidere di intervenire. Ecco perché la componente psicologica è molto rilevante.  Occupandosi principalmente di malformazioni toraciche, anomalie mammarie e asimmetrie mammarie e toraciche, l’obiettivo che Romanini si pone è quello di fare una ricostruzione il più simmetrica possibile.

 «È un lavoro molto soddisfacente e io ci tengo particolarmente. Si tratta di una specie di missione per la loro felicità, che spero vivamente possano risolvere per dedicarsi a quello che è importante per loro, senza più pensare al fatto che abbiano avuto una malformazione», conclude la dottoressa.


Scopri di più da Revée News

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Advertisement
Medici Chirurghi3 mesi ago

Innovazione e ricerca nella lotta contro il carcinoma mammario

Associazioni3 mesi ago

Diastasi Italia: rete di professionisti specializzati

Eventi e congressi3 mesi ago

L’approccio olistico alla Diastasi Addominale

Associazioni2 mesi ago

“I Girasoli” accanto ai pazienti oncologici

Associazioni3 mesi ago

Bici in Rosa: pedalare verso la prevenzione

mammella
Eventi e congressi3 mesi ago

Chirurgia estetica della mammella: primo corso formativo AICPE 2024

cicatrici
Pillole di Revée2 mesi ago

Cicatrici: come possono essere trattate?

filler
Medici Chirurghi2 mesi ago

Filler: tendenze e pratiche innovative

aicpe 2024
Eventi e congressi2 mesi ago

11° Congresso Nazionale dell’AICPE

V.I.T.A
Associazioni2 mesi ago

V.I.T.A: un quarto di secolo nella lotta contro il cancro al seno

Medici Chirurghi2 mesi ago

Malformazioni oltre le apparenze: la Sindrome di Poland

Personale sanitario1 mese ago

“Nutriamo la salute” celebrando il ruolo dell’infermiere

Medici Chirurghi1 mese ago

Il linfonodo sentinella per una diagnosi precoce

Medici Chirurghi4 settimane ago

Cosa vuol dire chirurgia conservativa?

Eventi e congressi2 mesi ago

Cosmofarma Exhibition: Revée partecipa alla 27° edizione

grasso
Eventi e congressi2 mesi ago

Tutto il grasso minuto per minuto

Eventi e congressi1 mese ago

La chirurgia della mammella: hot topics e linee comportamentali

attualità in ricostruzione mammaria autologa, protesica ed ibrida
Eventi e congressi4 settimane ago

Attualità in ricostruzione mammaria autologa, protesica e ibrida

Medici Chirurghi2 settimane ago

Rigenerare i tessuti con le cellule staminali

Copyright © 2022 Revée News. Periodico di informazione sul mondo Chirurgia e del Benessere | Registrazione Tribunale di Torino n. 21 il 17/10/2023 |
Direttore responsabile Debora Pasero | Edito da REVEE SRL - corso Quintino Sella, 131 - Torino C.F. 10818580010

Scopri di più da Revée News

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading