Connect with us

Medici Chirurghi

Grassetti: parliamo di rinofiller

Published

on

«Il paziente tipo è un ragazzo o una ragazza che ha avuto sempre un complesso col naso e col rinofiller ottiene l’effetto ottico di un naso più piccolo e corretto»

Luca Grassetti, specialista in chirurgia plastica, estetica e ricostruttiva

Il naso è una delle parti più estetiche del viso, insieme a bocca, occhi e zigomi. Ed è anche una delle parti che spesso non soddisfa le persone: sia per colpa di difetti di asimmetria, che per gobbette, che per semplici dimensioni. Negli USA, le operazioni di chirurgia estetica per il naso come la rinoplastica sono addirittura 220.000 all’anno, a dimostrazione della rilevanza che ha della percezione di sé nelle persone. 

Luca Grassetti, specialista in chirurgia plastica, estetica e ricostruttiva

Anche se è facile pensare a queste operazioni come interventi invasivi, esistono dei metodi semplici, veloci e con pochi rischi per migliorare l’estetica del naso, come il rinofiller. Luca Grassetti, chirurgo plastico ed estetico ad Ancona, spiega cos’è il rinofiller, quando farlo e quanto durano i risultati di questa operazione poco invasiva.

Cos’è il rinofiller e per chi è indicato

Il rinofiller è una pratica di medicina estetica che si esegue in regime ambulatoriale. Dura circa 15 minuti e consiste nell’iniezione di acido ialuronico sotto la pelle del naso. «Il rinofiller è una procedura ambulatoriale della durata tecnica di circa quindici minuti. Si applica una crema anestetica, a volte anche un po’ di ghiaccio, e poi si procede con delle piccole iniezioni» spiega Grassetti, chiamato amichevolmente dai suoi pazienti “il mago del rinofiller”. Dopo circa un anno l’acido ialuronico si riassorbe e l’intervento va ripetuto. La pelle del naso però, essendo elastica, “ricorda” la precedente iniezione rendendo l’intervento più semplice da eseguire. «Ogni volta possiamo fare un piccolo passetto in più nel raggiungere la forma che ci siamo prefissati».

L’acido ialuronico è un composto naturale che si trova normalmente nel corpo umano, e serve a rendere elastica e lucente la pelle. Nel caso del rinofiller si inietta questo liquido o in profondità o in superficie, a seconda dei risultati che si vogliono raggiungere, modellando così il naso. «Il tipo di correzione che si può effettuare con questa metodica è quella correzione che cerca di togliere la gobbettina e sollevare la punta» spiega Grassetti. «Mettendo l’acido ialuronico in punti strategici, come ad esempio poco sopra o poco sotto la gobbettina, la si può mascherare».

Continua il dottore: «Non effettuerei il rinofiller in nasi particolarmente grandi» sottolinea però Grassetti. «Se il naso è molto grande e molto esteso in avanti, aggiungendo acido ialuronico si rischia di amplificare proprio l’ampiezza percepita del naso».

Rinofiller o rinoplastica: cos’è meglio?

A differenza del rinofiller, la rinoplastica è un intervento che richiede maggior impegno e più tempo di recupero post-operatorio. Ciascuna di queste operazioni però ha i suoi pro e i suoi contro, ma possono anche lavorare sinergicamente. «Effettuo la rinoplastica quando c’è un disturbo respiratorio, una deviazione osteocartilaginea importante del setto nasale, quando il naso è molto grande o quando voglio sistemare esteticamente il naso in maniera permanente e definitiva» afferma il chirurgo. In questo caso la rinoplastica non solo è utile a correggere un difetto fisico e problematico, ma anche a risolvere in maniera permanente un problema estetico che ha dato fastidio al paziente per anni e anni.

«Il rinofiller è più indicato quando il paziente è poco propenso a effettuare una rinoplastica completa, oppure se non sa se un naso cambiato donerebbe al suo viso, visto che è un’operazione reversibile» racconta Grassetti. «E se il rinofiller lo soddisfa allora si può continuare con quello, visto che comunque è una procedura ambulatoriale senza downtime fondamentalmente con costi più limitati nel tempo».

Ma non solo: a volte il rinofiller può perfezionare il risultato della rinoplastica. «Nella rinoplastica si eseguono delle fratture osteo cartilaginee e si lavora su osso, cartilagine, mucosa e pelle, quattro tessuti che devono cicatrizzare in maniera sinergica. A volte possono esserci delle irregolarità» afferma. In questo caso, il rinofiller è meglio di una ulteriore chirurgia. «Con l’acido ialuronico, dopo la rinoplastica si possono fare delle minime correzioni che servono a magnificare il risultato estetico ottenuto con la rinoplastica».

Quali sono i rischi?

Il rinofiller, rispetto ad altri interventi come la rinoplastica, è una procedura generalmente sicura e veloce da eseguire, ma presenta anche alcuni rischi. «Essendo una procedura iniettiva, il rischio principale di fare queste piccole punture di medicina estetica è iniettare l’acido ialuronico in un vaso sanguigno» spiega. «Nel momento in cui ci si accorge di questa cosa, o quando il paziente lo riferisce, è sufficiente rivedere il paziente e iniettare la ialuronidasi».

Fortunatamente una mano ferma e un occhio esperto riducono al minimo il rischio di queste complicanze. «Io dico sempre: qual è la mano importante in una persona destrimane per fare il rinofiller? Non è la destra ma la sinistra, perché è la mano che sposta i vasi, gira la pelle, modella il prodotto» racconta Grassetti. L’importante quindi è sapere come gestire le situazioni difficili. «Non esiste una persona che fa rinofiller da una vita e non ha mai avuto una complicanza. Ma esistono le persone che se hanno delle complicanze le sanno affrontare e risolvere: quella fa tutta la differenza del mondo».


Il rinofiller, quindi, è un’operazione semplice ed efficace che può in poco tempo migliorare l’autostima del paziente. Essendo facilmente reversibile, poi, è molto più versatile di una rinoplastica, che è invece un’operazione chirurgica impegnativa e con un lungo decorso post-operatorio. Ma alla fine quello che conta è il risultato, ovvero una persona che non ha paura di essere fotografata, una persona che non ha imbarazzo nel guardarsi allo specchio per un naso che non apprezza.

Tre esempi di Rinofiller effettuati dal Dottor Grassetti

Click to comment

Raccontaci la tua esperienza

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
V.I.T.A
Associazioni1 giorno ago

V.I.T.A: un quarto di secolo nella lotta contro il cancro al seno

Eventi e congressi4 giorni ago

Cosmofarma Exhibition: Revée partecipa alla 27° edizione

filler
Medici Chirurghi1 settimana ago

Filler: tendenze e pratiche innovative

aicpe 2024
Eventi e congressi1 settimana ago

11° Congresso Nazionale dell’AICPE

cicatrici
Pillole di Revée2 settimane ago

Cicatrici: come possono essere trattate?

Associazioni3 settimane ago

Bici in Rosa: pedalare verso la prevenzione

Eventi e congressi3 settimane ago

L’approccio olistico alla Diastasi Addominale

Associazioni4 settimane ago

Diastasi Italia: rete di professionisti specializzati

mammella
Eventi e congressi4 settimane ago

Chirurgia estetica della mammella: primo corso formativo AICPE 2024

Medici Chirurghi1 mese ago

Innovazione e ricerca nella lotta contro il carcinoma mammario

Personale sanitario1 mese ago

Covid e fake news: contrastare la disinformazione con la ricerca scientifica

melanoma
Medici Chirurghi2 mesi ago

Melanoma: nuovi metodi e implicazioni per la prevenzione

Medici Chirurghi2 mesi ago

Breast Units: approccio multidisciplinare contro il tumore al seno

Medici Chirurghi2 mesi ago

LESC: l’approccio innovativo per la riduzione delle adiposità localizzate 

Medici Chirurghi2 mesi ago

Invecchiamento del seno: quali soluzioni?

Medici Chirurghi3 mesi ago

Tumore della pelle: parlarne è già prevenzione

Eventi e congressi3 mesi ago

25° Anniversario di IMCAS WORLD CONGRESS

fisioterapia
Medici Chirurghi3 mesi ago

Fisioterapia: una disciplina ad ampio raggio

Eventi e congressi3 mesi ago

Non solo melanoma 2024

Medici Chirurghi1 mese ago

Innovazione e ricerca nella lotta contro il carcinoma mammario

Medici Chirurghi3 mesi ago

Otoplastica: estetica e benessere psicologico

Personale sanitario1 mese ago

Covid e fake news: contrastare la disinformazione con la ricerca scientifica

Medici Chirurghi3 mesi ago

Chirurgia del volto: l’importanza della formazione medica

Medici Chirurghi3 mesi ago

Tumore della pelle: parlarne è già prevenzione

fisioterapia
Medici Chirurghi3 mesi ago

Fisioterapia: una disciplina ad ampio raggio

Associazioni4 settimane ago

Diastasi Italia: rete di professionisti specializzati

Medici Chirurghi2 mesi ago

Invecchiamento del seno: quali soluzioni?

Eventi e congressi3 mesi ago

Non solo melanoma 2024

melanoma
Medici Chirurghi2 mesi ago

Melanoma: nuovi metodi e implicazioni per la prevenzione

Eventi e congressi3 settimane ago

L’approccio olistico alla Diastasi Addominale

Medici Chirurghi2 mesi ago

LESC: l’approccio innovativo per la riduzione delle adiposità localizzate 

Eventi e congressi3 mesi ago

25° Anniversario di IMCAS WORLD CONGRESS

mammella
Eventi e congressi4 settimane ago

Chirurgia estetica della mammella: primo corso formativo AICPE 2024

Associazioni3 settimane ago

Bici in Rosa: pedalare verso la prevenzione

Medici Chirurghi2 mesi ago

Breast Units: approccio multidisciplinare contro il tumore al seno

aicpe 2024
Eventi e congressi1 settimana ago

11° Congresso Nazionale dell’AICPE

cicatrici
Pillole di Revée2 settimane ago

Cicatrici: come possono essere trattate?

filler
Medici Chirurghi1 settimana ago

Filler: tendenze e pratiche innovative

Copyright © 2022 Revée News. Periodico di informazione sul mondo Chirurgia e del Benessere | Registrazione Tribunale di Torino n. 21 il 17/10/2023 |
Direttore responsabile Debora Pasero | Edito da REVEE SRL - corso Quintino Sella, 131 - Torino C.F. 10818580010

Scopri di più da Revée News

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading