Connect with us

Medici Chirurghi

Chirurgia laparoscopica, dalle tecniche tradizionali alla robotica 

Published

on

«Come un sarto bisogna restringere questo vestito e ricreare una parete addominale adeguata»

Francesco Coratti, chirurgo all’ospedale Careggi di Firenze

La chirurgia è in costante evoluzione, le sue tecniche diventano sempre più innovative per garantire risultati soddisfacenti con un piccolo sforzo da parte dei medici, riducendo la probabilità di conseguenze spiacevoli ed eventuali disagi nel post operatorio.

Francesco Coratti, chirurgo all’ospedale Careggi di Firenze, con un background di chirurgia oncologica, tratta ormai da anni malattie tumorali dell’apparato digerente e in contemporanea anche di chirurgia di parete, utilizzando tecniche innovative di chirurgia mini invasiva dalla laparoscopica alla robotica, alla chirurgia comunque tradizionale.

Ricostruzione laparoscopica: di cosa si tratta e per chi è indicata

Francesco Coratti, chirurgo all’ospedale Careggi di Firenze

La laparoscopia è una tecnica innovativa e poco invasiva finalizzata alla ricostruzione di una fascia muscolare stremata. È il caso, per esempio, di donne che dopo il parto si sono trovate fasce muscolari sfibrate dovute alla sopportazione di un notevole carico; quindi, si tratta di «ricreare una parete addominale adeguata, che poi possa ripristinare il controllo dei muscoli addominali, a tutta la fascia del cingolo dell’addome – spiega Coratti – e ovviamente spesso e volentieri coesistono ernie che necessitano di essere riparate e quindi utilizzare protesi per rinforzare il tutto». Fondamentale, sottolinea Coratti, è anche ridare un tono per evitare il successivo verificarsi di problemi.

L’intervento, della durata di circa un’ora, prevede un’anestesia generale, comporta un’incisione di pochi millimetri, pertanto si definisce mini invasivo e, dopo una sola giornata di degenza, è possibile tornare a casa con risultati ottimi nell’immediato post operatorio. «Si effettuano dei piccoli tagli dai tre a cinque millimetri, al massimo dieci millimetri, però l’impatto sia estetico che funzionale è mini invasivo» spiega Coratti.

Ambiti di intervento, tecniche innovative e risultati

La diastasi comporta numerosi problemi alle donne: dal meteorismo, ai disturbi legati alla digestione, all’incontinenza urinaria, ma anche problemi di tipo estetico o di tipo intestinale. Grazie alla ricostruzione della parete addominale anteriore, «la patologia funzionale, compresa la lombalgia, legata ai muscoli posteriori, migliora notevolmente» afferma Coratti. «Ultimamente ho rivisto la mia casistica personale e le pazienti sono molto soddisfatte

La laparoscopia è un tipo di chirurgia mini invasiva e innovativa; è possibile approcciarsi utilizzando robot e mezzi dell’ultimo decennio come suturatrici meccaniche e protesi all’avanguardia. A differenza delle tecniche passate, che potevano comportare problemi estetici, funzionali, ma anche complicanze nel post operatorio, questo tipo di chirurgia è, secondo Coratti, «il top che ci può essere in questo momento storico

Questo tipo di intervento è molto utile e spesso utilizzato, con risultati notevoli soprattutto per quanto riguarda le ernie ombelicali; in generale è un’operazione che può aiutare tante donne che soffrono di complicanze legate all’indebolimento della parete muscolare anteriore, risolvendo un disagio con un minimo sforzo. 

L’aspetto su cui Coratti si sofferma è l’importanza di rivolgersi a specialisti e non affidarsi a persone che cercano di affrontare questo disturbo per la prima volta. 

«Nella patologia oncologica è fondamentale che chi opera sappia quello che fa senza improvvisare, è una raccomandazione fondamentale per non andare incontro a complicanze poi nel post operatorio» conclude Coratti. 

Click to comment

Raccontaci la tua esperienza

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Medici Chirurghi3 giorni ago

Breast Units: approccio multidisciplinare contro il tumore al seno

LESC
Medici Chirurghi1 settimana ago

LESC: l’approccio innovativo per la riduzione delle adiposità localizzate 

Medici Chirurghi2 settimane ago

Invecchiamento del seno: quali soluzioni?

Medici Chirurghi3 settimane ago

Tumore della pelle: parlarne è già prevenzione

Eventi e congressi4 settimane ago

25° Anniversario di IMCAS WORLD CONGRESS

fisioterapia
Medici Chirurghi1 mese ago

Fisioterapia: una disciplina ad ampio raggio

Eventi e congressi1 mese ago

Non solo melanoma 2024

Medici Chirurghi1 mese ago

Chirurgia del volto: l’importanza della formazione medica

Medici Chirurghi1 mese ago

Otoplastica: estetica e benessere psicologico

Revée News
Pillole di Revée2 mesi ago

Il 2023 su Revée News – seconda parte

Revée News
Pillole di Revée2 mesi ago

Il 2023 su Revée News – prima parte

salute-mentale
Medici Chirurghi2 mesi ago

Salute mentale: una priorità che non va trascurata 

santorelli-gluteoplastica
Medici Chirurghi2 mesi ago

Gluteoplastica: tecnica e sfide etiche nella Chirurgia Estetica

MBN2023 ONCOPLASTIC BREAST MEETING 
Eventi e congressi3 mesi ago

MBN2023 ONCOPLASTIC BREAST MEETING 

Policlinico Tor Vergata
Pillole di Revée3 mesi ago

Revée contribuisce alla magia del Natale al Policlinico Tor Vergata

anatomopatologo
Medici Chirurghi3 mesi ago

Un viaggio nel ruolo cruciale dell’anatomopatologo

Lipedema
Medici Chirurghi3 mesi ago

Grasso anomalo sulle gambe: potrebbe essere lipedema

Eventi e congressi3 mesi ago

4° Congresso Nazionale Diastasi dei muscoli retti addominali 

blefaroplastica
Medici Chirurghi3 mesi ago

Blefaroplastica: lo sguardo della giovinezza

Copyright © 2022 Revée News. Periodico di informazione sul mondo Chirurgia e del Benessere | Registrazione Tribunale di Torino n. 21 il 17/10/2023 |
Direttore responsabile Debora Pasero | Edito da REVEE SRL - corso Quintino Sella, 131 - Torino C.F. 10818580010

Scopri di più da Revée News

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continua a leggere