Connect with us

Pillole di Revée

Cento anni di Medicina Aeronautica in Italia

Published

on

Tre giornate di studio intensivo, sette sessioni dedicate all’approfondimento della medicina aerospaziale e oltre 30 interventi da esperti di risonanza internazionale, promettono di illuminare il panorama della medicina e le sue applicazioni quotidiane.

Dal 11 al 13 ottobre, presso l’Aula Magna “Giovanni Agnelli” del Politecnico di Torino e l’Energy Centre si è tenuto il prestigioso XXXIII Convegno Nazionale dell’Associazione Italiana di Medicina Aeronautica e Spaziale (AIMAS), attirando un’eclettica schiera di professori universitari, ufficiali medici, esperti e ricercatori provenienti da tutta Italia.
Il Convegno si è aperto mercoledì con una sessione commemorativa dedicata ai “Cento anni di Medicina Aeronautica in Italia,” in occasione dell’anniversario dell’Arma Azzurra.

L’iniziativa ha preso il via con il saluto del Generale Ispettore Capo (a) Enrico Tomao, rivolto alle autorità civili e militari e una stimolante Lectio Magistralis tenuta da Franco Malerba, il primo astronauta italiano, sul tema “Gravità artificiale per gli astronauti nei viaggi interplanetari.”
Il secondo giorno, il 12 ottobre, che ha visto l’intervento di oltre 200 partecipanti ha trattato diverse tematiche dalla “sinergia di un sistema complesso”  al rapporto tra “aereo ed aeroporto.” Le discussioni si sono concentrate sulla “medicina clinica aeronautica,” la sicurezza del volo e gli aspetti neurofisiologici e neuropsicologici delle neuroscienze aerospaziali.
L’XXXIII Convegno Nazionale dell’AIMA ha offerto una panoramica completa sulla medicina aerospaziale e il suo impatto sulla vita di tutti i giorni. Gli esperti hanno presentato ricerche all’avanguardia e scoperte che non solo arricchiranno il mondo della medicina, ma avranno anche un impatto significativo sulla nostra comprensione della vita nello spazio e sulla Terra.

Medicina nello spazio

Importante l’intervento della dottoressa Monica Monici, coordinatrice del progetto “Suture in Space”, selezionato dall’Agenzia Spaziale Europea e finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana. Questa straordinaria ricerca, supportata anche da Revee Srl, rappresenta il primo esperimento volto a comprendere come si svolge il processo di guarigione in tessuti umani feriti e suturati nello spazio. In un’intervista recente, la dottoressa ha descritto l’importanza di questa ricerca e come essa possa influenzare il futuro delle missioni di esplorazione spaziale. Il progetto “Suture in Space” è il risultato di una collaborazione internazionale tra ricercatori italiani, tedeschi, olandesi e danesi e rappresenta un passo avanti nell’analisi delle ferite e del processo di guarigione in condizioni di microgravità.
La medicina aerospaziale sta guadagnando sempre più importanza nel tempo, sia in previsione di una crescente presenza umana nello spazio, sia per il suo contributo alla vita sulla Terra. Questa branca della medicina fornisce preziose indicazioni per la prevenzione e la cura di malattie legate all’invecchiamento, oltre a una migliore comprensione degli effetti della gravità e della microgravità sull’organismo umano.


L’investigazione biomedica nello spazio ha portato a comprendere importanti meccanismi patologici, fornendo strumenti preziosi per lo sviluppo di nuove strategie terapeutiche.

Gli studi condotti in condizioni di microgravità possono avere interessanti ricadute, ha concluso la dottoressa Monici: «Le nuove conoscenze potranno essere applicate anche a Terra. Ad esempio, la nuova tecnica sviluppata per il progetto Suture in Space, che permette di mantenere tessuti espiantati in condizioni vitali per oltre un mese, potrebbe essere utilmente applicata nei campi dell’ingegneria dei tessuti e della medicina rigenerativa».

Il progresso della medicina aerospaziale

Il terzo giorno del Convegno, il 13 ottobre, si è incentrato su una serie di argomenti chiave legati all’attuale panorama della medicina aerospaziale e alle sfide future. Il convegno è un’opportunità unica per i partecipanti di approfondire le proprie conoscenze, condividere esperienze e contribuire al progresso della medicina aerospaziale. In una nota stampa il Tenente Colonnello Medico Paola Verde, Segretario Generale dell’AIMAS, ha spiegato: «L’evoluzione tecnologica e le prestazioni avanzate delle astronavi hanno esposto il corpo umano a sforzi mentali e fisici sempre più intensi. Le limitazioni dei viaggi atmosferici e spaziali non sono dettate solo dalla tecnologia, ma anche dai limiti di tolleranza umana. La medicina aerospaziale ha sviluppato requisiti aeromedici per la selezione e l’idoneità degli aviatori e degli astronauti, consentendo a un numero crescente di persone di volare in sicurezza, anche con patologie significative.»


Scopri di più da Revée News

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Advertisement

Fai una domanda agli specialisti

Inserisci l'area di intervento su cui vuoi fare una domanda
Se il tuo problema non è urgente approfitta del servizio gratuito di domande agli esperti. Se hai un'emergenza contatta il tuo dottore.
Medici Chirurghi3 mesi ago

Innovazione e ricerca nella lotta contro il carcinoma mammario

Personale sanitario3 mesi ago

Covid e fake news: contrastare la disinformazione con la ricerca scientifica

Associazioni3 mesi ago

Diastasi Italia: rete di professionisti specializzati

Eventi e congressi3 mesi ago

L’approccio olistico alla Diastasi Addominale

Associazioni2 mesi ago

“I Girasoli” accanto ai pazienti oncologici

Associazioni3 mesi ago

Bici in Rosa: pedalare verso la prevenzione

mammella
Eventi e congressi3 mesi ago

Chirurgia estetica della mammella: primo corso formativo AICPE 2024

cicatrici
Pillole di Revée2 mesi ago

Cicatrici: come possono essere trattate?

filler
Medici Chirurghi2 mesi ago

Filler: tendenze e pratiche innovative

V.I.T.A
Associazioni2 mesi ago

V.I.T.A: un quarto di secolo nella lotta contro il cancro al seno

aicpe 2024
Eventi e congressi2 mesi ago

11° Congresso Nazionale dell’AICPE

Medici Chirurghi1 mese ago

Malformazioni oltre le apparenze: la Sindrome di Poland

Personale sanitario1 mese ago

“Nutriamo la salute” celebrando il ruolo dell’infermiere

Medici Chirurghi4 settimane ago

Il linfonodo sentinella per una diagnosi precoce

Medici Chirurghi3 settimane ago

Cosa vuol dire chirurgia conservativa?

Eventi e congressi2 mesi ago

Cosmofarma Exhibition: Revée partecipa alla 27° edizione

grasso
Eventi e congressi1 mese ago

Tutto il grasso minuto per minuto

Eventi e congressi1 mese ago

La chirurgia della mammella: hot topics e linee comportamentali

attualità in ricostruzione mammaria autologa, protesica ed ibrida
Eventi e congressi3 settimane ago

Attualità in ricostruzione mammaria autologa, protesica e ibrida

Copyright © 2022 Revée News. Periodico di informazione sul mondo Chirurgia e del Benessere | Registrazione Tribunale di Torino n. 21 il 17/10/2023 |
Direttore responsabile Debora Pasero | Edito da REVEE SRL - corso Quintino Sella, 131 - Torino C.F. 10818580010

Scopri di più da Revée News

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading