Connect with us

Medici Chirurghi

Blefaroplastica: lo sguardo della giovinezza

Published

on

Gli occhi sono lo specchio dell’anima e uno sguardo fresco può cambiare in modo importante l’espressione del volto. Proprio per questo molte persone ricorrono alla blefaroplastica, un’operazione di chirurgia estetica, che garantisce il ringiovanimento del terzo superiore del volto. Il dottor Massimo Dolcet, chirurgo plastico presso l’azienda ospedaliera San Giovanni Battista di Torino, condivide la sua esperienza nel campo della blefaroplastica, un intervento sempre più richiesto per contrastare l’invecchiamento della regione orbitaria e palpebrale.

Il chirurgo plastico, noto anche per il suo impegno nella divisione universitaria di chirurgia plastica, sottolinea l’importanza della blefaroplastica, evidenziando come l’invecchiamento di questa zona del viso sia inevitabile, soprattutto dopo i quarant’anni.

Quali sono gli interventi più richiesti per il volto?

Il dottor Dolcet elenca una serie di interventi, spaziando dalla rinoplastica alla chirurgia plastica del mento.

Dottor Massimo Dolcet, chirurgo plastico presso l’azienda ospedaliera San Giovanni Battista di Torino

«Diciamo che la l’intervento che sicuramente mette tutti quanti d’accordo è la blefaroplastica, nel senso che l’invecchiamento della regione orbito-palpebrale è praticamente trasversale al sesso – racconta Dolcet – dopo i quarant’anni sia nei soggetti di sesso maschile che nei soggetti di sesso femminile, l’invecchiamento di questa regione è purtroppo inevitabile».

Descrivendo i segni dell’invecchiamento nella zona palpebrale, il dottor Dolcet parla di un accumulo di cute nelle palpebre superiori e della comparsa di borse adipose sporgenti nelle palpebre inferiori. Questi segni conducono ad uno sguardo più chiuso e pesante, influenzando il terzo superiore del volto.

La Blefaroplastica: soluzione e recupero

Il chirurgo plastico ha eseguito oltre quattrocento interventi di blefaroplastica, affrontando la sfida di ringiovanire lo sguardo. Il recupero post-operatorio è descritto come rapido, con cicatrici che guariscono velocemente grazie alla vascolarizzazione della zona.

«E’ l’unica regione del corpo dove i punti possono essere rimossi cinque o sei giorni dopo l’intervento chirurgico», assicura il chirurgo.

Sebbene le pazienti di sesso femminile siano prevalentemente interessate, sempre più uomini si avvicinano a questo intervento dato il suo carattere non invasivo e la gestione del dolore ben tollerabile.

«Sostanzialmente i pazienti sono over quaranta poi ci possono essere anche delle situazioni molto particolari – entra nel merito Dolcet – magari le ragazze molto giovani che mi è capitato di operare di blefaroplastica inferiore che avevano delle borse adipose ereditarie. Quindi la mamma, la sorella, la nonna avevano questo problema sin dalla giovane età e quindi queste ragazze, magari di venti, ventitré, venticinque anni, avevano uno sguardo stanco e invecchiato».

Il dottor Dolcet sottolinea che «La blefaroplastica può essere eseguita in regime ambulatoriale con anestesia locale». Il paziente può tornare a casa dopo l’intervento, con un recupero estremamente rapido. 

«La blefaroplastica è diventata un intervento routinario – rassicura Dolcet sottolineando l’importanza di affidarsi a mani esperte per garantire un risultato ottimale. «Incoraggia le persone a non spaventarsi dell’intervento, evidenziando il suo carattere ambulatoriale e il rapido recupero post-operatorio».

In definitiva, la blefaroplastica, eseguita con competenza, si presenta come un’opzione efficace per ridare freschezza e giovinezza al terzo superiore del volto, influenzando positivamente l’aspetto e la sicurezza delle persone che scelgono di sottoporsi a questo intervento.


Scopri di più da Revée News

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Advertisement
Medici Chirurghi3 mesi ago

Innovazione e ricerca nella lotta contro il carcinoma mammario

Associazioni3 mesi ago

Diastasi Italia: rete di professionisti specializzati

Eventi e congressi3 mesi ago

L’approccio olistico alla Diastasi Addominale

Associazioni2 mesi ago

“I Girasoli” accanto ai pazienti oncologici

Associazioni3 mesi ago

Bici in Rosa: pedalare verso la prevenzione

mammella
Eventi e congressi3 mesi ago

Chirurgia estetica della mammella: primo corso formativo AICPE 2024

cicatrici
Pillole di Revée3 mesi ago

Cicatrici: come possono essere trattate?

filler
Medici Chirurghi2 mesi ago

Filler: tendenze e pratiche innovative

aicpe 2024
Eventi e congressi2 mesi ago

11° Congresso Nazionale dell’AICPE

V.I.T.A
Associazioni2 mesi ago

V.I.T.A: un quarto di secolo nella lotta contro il cancro al seno

Medici Chirurghi2 mesi ago

Malformazioni oltre le apparenze: la Sindrome di Poland

Personale sanitario1 mese ago

“Nutriamo la salute” celebrando il ruolo dell’infermiere

Medici Chirurghi1 mese ago

Il linfonodo sentinella per una diagnosi precoce

Medici Chirurghi4 settimane ago

Cosa vuol dire chirurgia conservativa?

Eventi e congressi2 mesi ago

Cosmofarma Exhibition: Revée partecipa alla 27° edizione

grasso
Eventi e congressi2 mesi ago

Tutto il grasso minuto per minuto

Eventi e congressi1 mese ago

La chirurgia della mammella: hot topics e linee comportamentali

attualità in ricostruzione mammaria autologa, protesica ed ibrida
Eventi e congressi4 settimane ago

Attualità in ricostruzione mammaria autologa, protesica e ibrida

Medici Chirurghi3 settimane ago

Rigenerare i tessuti con le cellule staminali

Copyright © 2022 Revée News. Periodico di informazione sul mondo Chirurgia e del Benessere | Registrazione Tribunale di Torino n. 21 il 17/10/2023 |
Direttore responsabile Debora Pasero | Edito da REVEE SRL - corso Quintino Sella, 131 - Torino C.F. 10818580010

Scopri di più da Revée News

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading