Connect with us

Medici Chirurghi

Chirurgia bariatrica: dal corpo alla mente

Published

on

«La mano di un buon chirurgo, in chirurgia bariatrica, non è ancora sostituibile».

Il dottor Rosario Ranno, direttore dell’Unità Operativa Complessa Grandi ustioni, Consigliere nazionale SICPRE (Società italiana di chirurgia plastica, estetica e ricostruttiva), componente del Collegio Nazionale di Chirurgia plastica e chirurgo presso l’ospedale Cannizzaro di Catania, racconta quanto sia importante che il paziente comprenda a fondo tutte le implicazioni e le conseguenze dell’intervento di chirurgia post-bariatrica.

Chirurgia bariatrica: la terapia e l’intervento

Dottor Rosario Ranno, direttore dell’Unità Operativa Complessa Grandi ustioni, Consigliere nazionale SICPRE (Società italiana di chirurgia plastica, estetica e ricostruttiva), componente del Collegio Nazionale di Chirurgia plastica e chirurgo presso l’ospedale Cannizzaro di Catania

«La chirurgia bariatrica non è chirurgia estetica» spiega Ranno. «L’aumento spropositato dei volumi di tessuto adiposo altera profondamente i rapporti tra le varie parti del corpo» continua il chirurgo. Per questo motivo le tecniche del ripristino dei volumi della chirurgia estetica non sono applicabili al 100% alla chirurgia post-bariatrica. «Le cicatrici nella post-bariatrica fanno parte del gioco» continua Ranno, e il paziente deve essere consapevole di tutti i rischi e delle complicanze legate all’intervento. Per questo motivo è necessario rivolgersi ai centri per l’obesità composti da psicologi, nutrizionisti, endocrinologi, obesologi e chirurghi generali. «L’obesità è una malattia grave che coinvolge tutti gli organi – spiega il chirurgo – dalla quale è quasi impossibile guarire ma si può tenere sotto controllo». Quando il paziente inizia il percorso presso il centro, è necessario capire quale terapia sia in grado di farlo rientrare nei volumi: «Si decide a priori quale sia il peso accettabile, collegato alla struttura fisica e allo stato di salute» precisa Ranno.

Successivamente si sceglie se continuare la terapia medica o se si può procedere con l’intervento chirurgico. «Ad esempio si possono effettuare operazioni di chirurgia generale come la Sleeve o il Mini Bypasscontinua il chirurgo – raggiunto il peso definito accettabile, e se il paziente ha raggiunto una maturità psicologica, si può rivolgere al chirurgo per integrare le aree particolarmente colpite». Si può agire sull’addome, seno, braccia e cosce e dove è possibile si fanno anche interventi di torsoplastica: «Gli interventi vanno fatti uno alla volta perché ognuno ha le proprie complicanze» continua il chirurgo.

Psicologia e chirurgia

Dopo l’operazione ci vogliono dai sei agli otto mesi per la stabilizzazione. «Il ripristino delle forme è un intervento complesso e non può essere ripetuto, – precisa Ranno – non c’è niente di preordinato, in questo modo si dà al paziente tutto ciò di cui ha bisogno» precisa il chirurgo.

Oltre all’operazione, i chirurghi si occupano anche dell’aspetto psicologico: «Dobbiamo capire se quello che ci viene richiesto è realmente la soluzione al problema». Durante tutto il percorso, infatti, il paziente viene seguito da uno psicologo anche per affrontare l’operazione chirurgica: «Quando vengono effettuati interventi di Sleeve o Mini Bypass – continua Ranno – i pazienti devono essere pronti ad affrontare tutti i sacrifici a essi collegati». Ad esempio, una buona parte dei pazienti obesi è anche diabetica: «è una disfunzione che il tessuto adiposo ha creato in quella persona, e nel momento in cui viene a ridursi l’obesità sparisce anche il diabete» spiega Ranno.

«La malattia dell’obesità è complessa e grave, e difficilmente si guarisce – spiega Ranno – si può, però, convivere bene e se si ha la forza, la capacità e la comprensione di quelli che sono i sacrifici che bisogna affrontare». Conclude il chirurgo: «Nessuno di noi si sogna di iniziare un percorso di ricostruzione post-bariatrica in un paziente che non ha ancora capito realmente tutte le conseguenze e le implicazioni».


Scopri di più da Revée News

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Advertisement

Fai una domanda agli specialisti

Inserisci l'area di intervento su cui vuoi fare una domanda
Se il tuo problema non è urgente approfitta del servizio gratuito di domande agli esperti. Se hai un'emergenza contatta il tuo dottore.
Medici Chirurghi3 mesi ago

Innovazione e ricerca nella lotta contro il carcinoma mammario

Associazioni3 mesi ago

Diastasi Italia: rete di professionisti specializzati

Eventi e congressi3 mesi ago

L’approccio olistico alla Diastasi Addominale

Associazioni2 mesi ago

“I Girasoli” accanto ai pazienti oncologici

Associazioni3 mesi ago

Bici in Rosa: pedalare verso la prevenzione

mammella
Eventi e congressi3 mesi ago

Chirurgia estetica della mammella: primo corso formativo AICPE 2024

cicatrici
Pillole di Revée2 mesi ago

Cicatrici: come possono essere trattate?

filler
Medici Chirurghi2 mesi ago

Filler: tendenze e pratiche innovative

V.I.T.A
Associazioni2 mesi ago

V.I.T.A: un quarto di secolo nella lotta contro il cancro al seno

aicpe 2024
Eventi e congressi2 mesi ago

11° Congresso Nazionale dell’AICPE

Medici Chirurghi1 mese ago

Malformazioni oltre le apparenze: la Sindrome di Poland

Personale sanitario1 mese ago

“Nutriamo la salute” celebrando il ruolo dell’infermiere

Medici Chirurghi1 mese ago

Il linfonodo sentinella per una diagnosi precoce

Medici Chirurghi4 settimane ago

Cosa vuol dire chirurgia conservativa?

Eventi e congressi2 mesi ago

Cosmofarma Exhibition: Revée partecipa alla 27° edizione

grasso
Eventi e congressi2 mesi ago

Tutto il grasso minuto per minuto

Eventi e congressi1 mese ago

La chirurgia della mammella: hot topics e linee comportamentali

attualità in ricostruzione mammaria autologa, protesica ed ibrida
Eventi e congressi4 settimane ago

Attualità in ricostruzione mammaria autologa, protesica e ibrida

Medici Chirurghi2 settimane ago

Rigenerare i tessuti con le cellule staminali

Copyright © 2022 Revée News. Periodico di informazione sul mondo Chirurgia e del Benessere | Registrazione Tribunale di Torino n. 21 il 17/10/2023 |
Direttore responsabile Debora Pasero | Edito da REVEE SRL - corso Quintino Sella, 131 - Torino C.F. 10818580010

Scopri di più da Revée News

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading