Connect with us

Associazioni

“Amici Obesi”: come ritrovare la consapevolezza del proprio corpo

Published

on

«Noi obesi non ci riconosciamo come tali fino a quando non scatta una scintilla».

Iris Zani, presidente dell’Associazione Amici Obesi Onlus, e Cristina Rastelli, collaboratrice della medesima organizzazione, raccontano il loro percorso da pazienti ex obese e quanto questa malattia possa portare all’emarginazione e alla solitudine se non si riceve sostegno.

L’importanza dell’ascolto

«L’Associazione Amici Obesi Onlus nasce nel 2005, quando un gruppo di pazienti, di cui facevo parte – spiega Iris Zani – si è accorto che c’era una carenza di informazioni riguardo alla patologia dell’obesità e volevano colmare questo vuoto informativo». In un primo momento è nato un forum, che si utilizzava per scambiarsi informazioni in tempo reale, e a settembre del 2005 è stata costituita l’Associazione.

Iris Zani e Cristina Rastelli

«La nostra attività nasce con la creazione di convegni e incontri – continua la presidente – grazie anche ai professionisti che si sono resi disponibili a dare informazioni sul campo». Il supporto fornito dall’Associazione, soprattutto all’inizio, è stato di tipo psicologico. «Il paziente, quando arriva da noi, – precisa Zani – probabilmente ha già preso consapevolezza che deve risolvere una situazione grave e ha preso coscienza che deve iniziare un percorso di cura». 

L’obiettivo dell’Associazione è dare supporto e consigliare il percorso di cura adatto alla patologia. «Purtroppo in Italia ci sono livelli assistenziali differenti – precisa la presidente – l’obesità grave è assistita anche a livello pubblico, mentre l’obesità medio-grave è lasciata a sé stessa, così il paziente non sa a chi rivolgersi e come affrontare la soluzione». In questo modo Amici Obesi Onlus fornisce sia un supporto online che in presenza attraverso dei gruppi di mutuo-aiuto.

Prendere coscienza di sé stessi

«Siamo abituati a fingere, a trovare una via di fuga dalle convinzioni che ci fanno dire che siamo sovrappeso» spiega Cristina Rastelli. I pazienti obesi necessitano di aiuto, perché si raccontano false verità che li spingono a rimandare i percorsi di cura che dovrebbero essere intrapresi il prima possibile. 

«Una caratteristica dei pazienti obesi – continua Rastelli – è che procrastinano fino al punto in cui, a causa del peso, sono costretti a rinunciare a molte cose». In questo modo, si rinchiudono nella solitudine, identificando il cibo come l’unico “amico” a disposizione che dà conforto colmando i vuoti. «Il cibo è come una droga sempre a portata di mano» continua Rastelli. «Finché non si va a scardinare questo meccanismo – spiega Rastelli – sappiamo che non si può uscire da questa situazione né con la dieta né con il percorso chirurgico». 

I pazienti obesi vengono spesso giudicati come coloro che non hanno forza di volontà e non vogliono impegnarsi: «La realtà non è così – continua Rastelli – perché dietro la patologia dell’obesità ci sono molti fattori che non riguardano solo l’ingurgitare cibo». Questo atteggiamento fa sentire le persone obese emarginate:«Il supporto della famiglia e delle persone care – commenta Rastelli – è molto importante, è la motivazione che ti porta a dire che vuoi prendere in mano la tua vita e rinascere».

Prendere coscienza di avere un problema con il proprio corpo è la molla che fa scattare qualsiasi percorso. «È giusto che ognuno trovi il suo cammino che sia farmacologico o chirurgico – precisa Rastelli – però finché non scatta quel meccanismo noi siamo portati da questa patologia a dire di non aver bisogno di aiuto e spesso ci imbarchiamo in diete che falliscono perché non sono seguite da professionisti».

I fallimenti abbattono i pazienti obesi sia dal punto di vista fisico che morale. «Le recidive sono la dimostrazione che l’obesità non è un vizio ma una malattia – continua Zani – e non bisogna mai mollare la presa».

Anche il percorso del post-operatorio dopo la chirurgia bariatrica è complicato: «Perché si sono fatti tanti sacrifici e non è una scelta facile da fare» spiega Zani. «Spesso i pazienti che hanno una recidiva sono quelli che si sono allontanati dall’associazionismo, – continua la presidente di Amici Obesi Onlus – ma poi tornano e noi li accogliamo senza pregiudizio perché non esiste vergogna nel nostro gruppo».

Continue Reading
1 Comment

1 Comment

  1. Giulia

    15 Luglio 2022 at 15:29

    È importante avere delle associazioni che supportino persone con disturbi alimentari. Intraprendere un percorso per affrontare un cambiamento non è mai facile ma con un sostegno morale tutto diventa in discesa. Complimenti!

Raccontaci la tua esperienza

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Genomica e genetica terzo congresso senologia toscana
Eventi e congressi4 ore ago

Revée sponsor del Terzo Congresso Rete Senologica Toscana

l'unione fa la forza LILT 10 giugno 2023
Eventi e congressi2 giorni ago

“L’unione fa la forza”, le visite gratuite e aperte della LILT

Eventi e congressi3 giorni ago

Lipedema e sanità pubblica, un incontro per l’informazione

transizione cambio di genere chirurgia riassegnazione di genere
Pillole di Revée6 giorni ago

Transizione e riassegnazione di genere

Gulino obesità infanzia
Medici Chirurghi2 settimane ago

Lotta all’obesità, il benessere parte dall’infanzia

Gtver 2023 e Obesity Simposium
Eventi e congressi2 settimane ago

Chirurgia, tecnologia, obesità: l’educazione continua dei medici

Giorgio Pietramaggiori nuove tecniche chirurgia
Medici Chirurghi3 settimane ago

Pietramaggiori, nuovi paradigmi della chirurgia plastica

marco pastorini psicologia obesità
Medici Chirurghi4 settimane ago

Pastorini, obesità e salute mentale

Sicpre e sigis
Eventi e congressi4 settimane ago

Identità di genere e chirurgia plastica. Un fine settimana di formazione

mese della salute mentale
Pillole di Revée1 mese ago

Un mese dedicato alla Salute mentale

Flebolinfologia
Eventi e congressi1 mese ago

Revée al IX convegno della Flebolinfologia

Antonio Capaldi, oncologo ed ematologo, spiega come le cellule staminali siano utili per trattare il tumore
Medici Chirurghi1 mese ago

Capaldi, combattere il tumore con le nuove terapie staminali

Zona convegni medici professionisti sanitari medicina
Pillole di Revée2 mesi ago

Zona, l’importanza di rimanere aggiornati per i professionisti sanitari

Paolo Veronesi, presidente della Fondazione Umberto Veronesi e il progetto Pink Ambassador contro il cancro
Associazioni2 mesi ago

Veronesi, l’impegno dell’associazione contro i tumori femminili

AICPE
Eventi e congressi2 mesi ago

Revée al decimo convegno AICPE

tumore
Pillole di Revée2 mesi ago

Associazioni contro il tumore, fare gruppo per vincere

Dottor Domenico Corda, esperto di lipedema e linfedema, spiega le differenze tra queste due malattie e i problemi che i pazienti con lipedema sono costretti ad affrontare
Medici Chirurghi2 mesi ago

Lipedema e linfedema: il dottor Corda spiega le differenze

Ossola Small Mai Più Obesi associazione contro l'obesità
Associazioni3 mesi ago

Small, Mai Più Obesi, insieme contro l’obesità

Luca Busetto, professore associato di Medicina Interna a Padova nonché presidente della SIO (Società Italiana Obesità) e coordinatore della Obesity Management Task Force
Associazioni3 mesi ago

Professor Busetto: come aiutare i pazienti con obesità

Luca Busetto, professore associato di Medicina Interna a Padova nonché presidente della SIO (Società Italiana Obesità) e coordinatore della Obesity Management Task Force
Associazioni3 mesi ago

Professor Busetto: come aiutare i pazienti con obesità

Obesità
Pillole di Revée3 mesi ago

Obesità, l’apporto dei medici e delle associazioni

Il dottor Borsetti condivide la sua esperienza con lparalisi del nervo facciale
Medici Chirurghi3 mesi ago

Paralisi del nervo facciale: cause, riabilitazione e ritorno alla normalità

Dottor Domenico Corda, esperto di lipedema e linfedema, spiega le differenze tra queste due malattie e i problemi che i pazienti con lipedema sono costretti ad affrontare
Medici Chirurghi2 mesi ago

Lipedema e linfedema: il dottor Corda spiega le differenze

Ossola Small Mai Più Obesi associazione contro l'obesità
Associazioni3 mesi ago

Small, Mai Più Obesi, insieme contro l’obesità

Paolo Veronesi, presidente della Fondazione Umberto Veronesi e il progetto Pink Ambassador contro il cancro
Associazioni2 mesi ago

Veronesi, l’impegno dell’associazione contro i tumori femminili

Zona convegni medici professionisti sanitari medicina
Pillole di Revée2 mesi ago

Zona, l’importanza di rimanere aggiornati per i professionisti sanitari

Antonio Capaldi, oncologo ed ematologo, spiega come le cellule staminali siano utili per trattare il tumore
Medici Chirurghi1 mese ago

Capaldi, combattere il tumore con le nuove terapie staminali

tumore
Pillole di Revée2 mesi ago

Associazioni contro il tumore, fare gruppo per vincere

mese della salute mentale
Pillole di Revée1 mese ago

Un mese dedicato alla Salute mentale

AICPE
Eventi e congressi2 mesi ago

Revée al decimo convegno AICPE

marco pastorini psicologia obesità
Medici Chirurghi4 settimane ago

Pastorini, obesità e salute mentale

Giorgio Pietramaggiori nuove tecniche chirurgia
Medici Chirurghi3 settimane ago

Pietramaggiori, nuovi paradigmi della chirurgia plastica

Gulino obesità infanzia
Medici Chirurghi2 settimane ago

Lotta all’obesità, il benessere parte dall’infanzia

Flebolinfologia
Eventi e congressi1 mese ago

Revée al IX convegno della Flebolinfologia

Sicpre e sigis
Eventi e congressi4 settimane ago

Identità di genere e chirurgia plastica. Un fine settimana di formazione

Gtver 2023 e Obesity Simposium
Eventi e congressi2 settimane ago

Chirurgia, tecnologia, obesità: l’educazione continua dei medici

transizione cambio di genere chirurgia riassegnazione di genere
Pillole di Revée6 giorni ago

Transizione e riassegnazione di genere

l'unione fa la forza LILT 10 giugno 2023
Eventi e congressi2 giorni ago

“L’unione fa la forza”, le visite gratuite e aperte della LILT

Copyright © 2022 Revée News.