Connect with us

Medici Chirurghi

Diastasi maschile: il percorso del paziente

Published

on

La diastasi è una condizione che tocca anche gli uomini. Il dottor Stefano Campa, specialista in chirurgia plastica estetica e ricostruttiva, spiega come la diastasi maschile sia una patologia ormai diffusa tra i pazienti bariatrici e non solo. La sintomatologia più comune prevede l’alterazione delle funzioni dell’intestino e delle vescica, oltre a varie dispepsie, peggiorando la qualità della vita di chi ne soffre.

Diastasi maschile: chi ne soffre

Dottor Stefano Campa, specialista in chirurgia plastica estetica e ricostruttiva

La diastasi maschile si verifica quando la separazione dei muscoli dell’addome è maggiore di 2,5 cm. «La diastasi può essere di grado lieve, moderato o grave – spiega Campa – in quest’ultimo caso oltre a recare un danno estetico ne crea anche uno funzionale».

Chi vive la condizione di obesità può avere un rischio più alto di soffrire di diastasi, a causa dell’incremento della pressione endoaddominale dovuto all’aumento di grasso. Tuttavia, la diastasi maschile può colpire anche chi pratica attività fisica senza particolari accortezze o chi ha una lassità congenita. «In questo caso – continua il chirurgo – possono esserci difetti congeniti e si ha una minore resistenza della parete addominale».

L’intervento

L’intervento per correggere la diastasi consistente nel: «Ricostruire l’integrità della parete muscolare» spiega Campa. Se si effettua un’addominoplastica si può eseguire contestualmente anche la correzione della diastasi. Si inizia scollando il lembo cutaneo e si esegue una plastica della parete addominale. «Tendenzialmente io la faccio in duplice strato – continua il chirurgo – uno strato è più profondo, invece l’altro è più superficiale e si usa una sutura continua in modo che abbia una tenuta maggiore».

Nel caso in cui si operi un paziente che soffre di obesità è meglio prima sottoporlo alla chirurgia bariatrica in modo che il peso si normalizzi. «Dopo sei mesi o un anno sarà possibile iniziare gli interventi di rimodellamento corporeo» spiega Campa.

La riabilitazione 

«Nel post-operatorio bisogna avere accortezza – prosegue il chirurgo – perché tutto ciò che fa aumentare la pressione endoaddominale mette a dura prova i muscoli retti». Per evitare che l’applicatura possa cedere e si verifichi una recidiva, è importante indossare una guaina per uno o due mesi dopo l’intervento.

«Per me le guaine sono fondamentali – continua Campa – perché riducono l’edema dei tessuti sottocutanei». Forniscono anche una resistenza all’aumento della pressione endoaddominale evitando che la plastica dei retti possa cedere.

Infatti, è possibile che si verifichi una recidiva e che la diastasi maschile si ripresenti, ma questa possibilità va scongiurata. «Soprattutto nei primi giorni dopo l’intervento – conclude il chirurgo – bisogna evitare di fare sforzi altrimenti i punti cedono».

Click to comment

Raccontaci la tua esperienza

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Fai una domanda agli specialisti

Inserisci l'area di intervento su cui vuoi fare una domanda
Se il tuo problema non è urgente approfitta del servizio gratuito di domande agli esperti. Se hai un'emergenza contatta il tuo dottore.

Copyright © 2022 Revée News.