Connect with us

Pillole di Revée

Zona, l’importanza di rimanere aggiornati per i professionisti sanitari

Published

on

«Un provider deve essere un esperto di metodologia formativa, deve avere la capacità di comprendere i contenuti scientifici che vengono proposti e deve avere anche la capacità di interloquire con società scientifiche»

Paolo Zona, Amministratore delegato di Cluster s.r.l. e provider ECM accreditato al Ministero della Salute

L’informazione è fondamentale nell’ambito della sanità, per rimanere aggiornati sulle ultime scoperte scientifiche e sulle nuove tecniche mediche. Spesso però si pensa che ci sia bisogno di informare solo i pazienti, dimenticandosi che anche medici, infermieri e tecnici ospedalieri hanno bisogno di rimanere al passo delle novità. Per questo i professionisti sanitari non possono prescindere da corsi d’aggiornamento e convegni per confrontarsi gli uni con gli altri. Paolo Zona, amministratore delegato di Cluster s.r.l., provider ECM accreditato al Ministero della Salute e precedentemente presidente di Federcongressi, spiega l’utilità di corsi e convegni formativi e i vantaggi che una buona organizzazione apporta a questi incontri d’informazione scientifica.

Capacità tecniche e conoscenze teoriche, i pilastri di un professionista sanitario

Paolo Zona, Amministratore Delegato di Cluster s.r.l. e provider ECM accreditato al Ministero della Salute

La medicina è una materia scientifica, e in quanto tale è in continuo sviluppo. Sarebbe impensabile curare le persone oggi con le stesse tecniche di quarant’anni fa, perché cambiano non solo i mezzi e gli strumenti ma anche le conoscenze. Ogni professionista sanitario deve rimanere aggiornato sulle novità e sulle nuove best practice del suo campo, indipendentemente dalla sua esperienza. Esistono quindi dei crediti che ciascuno deve accumulare, in maniera simile ai crediti universitari. Questi “punti” si accumulano partecipando a corsi d’aggiornamento o convegni.

L’organizzazione dei convegni, però, è un compito molto difficile e complesso che prevede molte responsabilità. «È intuitivo pensare che un professionista sanitario aggiornato e formato determini un’assistenza più qualificata rispetto a uno che non lo è» dice Zona, spiegando che i migliori corsi e congressi formativi sono organizzati gestendo due parti ben distinte: esecutiva e progettuale. La prima parte, cioè quella prettamente organizzativa, potrebbe sembrare semplice ma in realtà presenta alcune insidie che, considerando la mole di dati di cui ha bisogno un convegno, vengono moltiplicate esponenzialmente. Persino l’aggiornamento di un semplice database può diventare un’operazione incredibilmente dispendiosa per chi non è esperto del mestiere. «Anche il miglior contenuto, se non è supportato da una parte organizzativa solida, diventa un pessimo contenuto». La seconda parte, quella progettuale, richiede grande conoscenza scientifica unita a delle spiccate capacità relazionali per costruire una scaletta di spicco e che sia un valore aggiunto per i medici. «La parte ideativa o progettuale richiede studio, richiede costante aggiornamento… per cercare contenuti e docenti che siano in armonia tra loro» continua Zona.

Ma cosa pensano i professionisti sanitari di questi corsi? Zona dice che purtroppo, quando la legge sui crediti fu approvata nel 1999, molti convegni non erano all’altezza ed erano solo un modo per far guadagnare crediti. Adesso però, anche grazie all’impatto dei professionisti della cosiddetta ECM (Educazione Continua in Medicina), la visione è notevolmente cambiata. «C’è un’attenzione diversa rispetto ai crediti formativi da parte degli ordini professionali, primo fra tutti gli ordini dei medici, ma anche le associazioni professionali, gli infermieri, psicologi e via discorrendo» afferma, spiegando che anche se c’è ancora tanta strada da fare l’interesse è decisamente cambiato e la vecchia idea dei convegni è retaggio del passato.

Educazione Continua in Medicina, cos’è e come si svolge

La ECM, ovvero Educazione Continua in Medicina, prima del 2010 era il generico sistema di crediti istituito nel 1999 ma che non prevedeva un percorso strutturato per i professionisti sanitari. «La formazione medica prima era rappresentata da grandi platee numerose con alcuni relatori e non docenti. In quegli anni cambiò molto lo scenario, restano i congressi, ma come momento aggregativo, come momento di network, come momento anche di condivisione di contenuti scientifici, ma non con caratteristiche formative in senso stretto» afferma Zona.

Dal 2010 in poi, però, una legge ha cambiato la struttura del sistema di formazione istituendo i provider ECM, ovvero organizzatori di corsi di formazione altamente innovativi. La differenza con un semplice organizzatore di convegni è che il provider ECM non si occupa solo della logistica, ma anche della strutturazione completa dei corsi e dei convegni formativi, anche a livello scientifico e tecnico. «Il provider ECM l’unico vero responsabile dei contenuti scientifici che vengono erogati, insieme al responsabile scientifico e ai docenti, i cosiddetti content provider» continua Zona, sottolineando come questo sistema abbia dato vita a un altissimo standard qualitativo per quanto riguarda l’Educazione Continua in Medicina.


In sintesi, per garantire un sistema sanitario eccellente come quello italiano, è indispensabile un continuo aggiornamento da parte dei professionisti che ne fanno parte. Ed è per questo che i provider ECM come Cluster S.r.l. lavorano in concerto con docenti e relatori per garantire che il livello di preparazione dei lavoratori sia sempre al passo coi tempi. «Perché io tra l’altro amo continuare a chiamarlo mestiere più che professione» conclude Zona, perché un’organizzazione così minuziosa non si fa solo per lavoro ma anche per profonda passione nei confronti di un mondo che non si ferma mai.


Scopri di più da Revée News

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Click to comment

Raccontaci la tua esperienza

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement

Fai una domanda agli specialisti

Inserisci l'area di intervento su cui vuoi fare una domanda
Se il tuo problema non è urgente approfitta del servizio gratuito di domande agli esperti. Se hai un'emergenza contatta il tuo dottore.
Medici Chirurghi3 mesi ago

Innovazione e ricerca nella lotta contro il carcinoma mammario

Personale sanitario3 mesi ago

Covid e fake news: contrastare la disinformazione con la ricerca scientifica

Associazioni3 mesi ago

Diastasi Italia: rete di professionisti specializzati

Eventi e congressi3 mesi ago

L’approccio olistico alla Diastasi Addominale

Associazioni2 mesi ago

“I Girasoli” accanto ai pazienti oncologici

Associazioni3 mesi ago

Bici in Rosa: pedalare verso la prevenzione

mammella
Eventi e congressi3 mesi ago

Chirurgia estetica della mammella: primo corso formativo AICPE 2024

cicatrici
Pillole di Revée2 mesi ago

Cicatrici: come possono essere trattate?

filler
Medici Chirurghi2 mesi ago

Filler: tendenze e pratiche innovative

V.I.T.A
Associazioni2 mesi ago

V.I.T.A: un quarto di secolo nella lotta contro il cancro al seno

aicpe 2024
Eventi e congressi2 mesi ago

11° Congresso Nazionale dell’AICPE

Medici Chirurghi1 mese ago

Malformazioni oltre le apparenze: la Sindrome di Poland

Personale sanitario1 mese ago

“Nutriamo la salute” celebrando il ruolo dell’infermiere

Medici Chirurghi4 settimane ago

Il linfonodo sentinella per una diagnosi precoce

Medici Chirurghi3 settimane ago

Cosa vuol dire chirurgia conservativa?

Eventi e congressi2 mesi ago

Cosmofarma Exhibition: Revée partecipa alla 27° edizione

grasso
Eventi e congressi1 mese ago

Tutto il grasso minuto per minuto

Eventi e congressi1 mese ago

La chirurgia della mammella: hot topics e linee comportamentali

attualità in ricostruzione mammaria autologa, protesica ed ibrida
Eventi e congressi3 settimane ago

Attualità in ricostruzione mammaria autologa, protesica e ibrida

Copyright © 2022 Revée News. Periodico di informazione sul mondo Chirurgia e del Benessere | Registrazione Tribunale di Torino n. 21 il 17/10/2023 |
Direttore responsabile Debora Pasero | Edito da REVEE SRL - corso Quintino Sella, 131 - Torino C.F. 10818580010

Scopri di più da Revée News

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading